Visit Page
Salta al contenuto

Visitare Valencia: itinerario di un giorno tra la Città delle Arti e delle Scienze e lo Stadio di Mestalla

Quando immaginavo di visitare Valencia, la prima cosa a cui associavo la città era proprio lei, la Città delle Arti e delle Scienze. Un insieme di meravigliose architetture futuristiche che dal vivo sono ancora più imponenti e maestose di quanto lo possano sembrare dalle fotografie.

La mattina siamo partiti da Host & Home, la struttura nella quale soggiornavamo (per saperne di più leggi l’articolo dedicato), e abbiamo raggiunto con una passeggiata il Mercado de Colón. Nel caso il tuo albergo sia molto lontano, puoi arrivare alla meta prendendo la metropolitana fino alla fermata Colón.

 

COSA VEDERE A VALENCIA: IL MERCADO DE COLÓN

Il Mercado de Colón è stato realizzato tra il 1914 e il 1916 dall’architetto valenciano Francisco Mora Berenguer. Inizialmente fungeva da mercato agroalimentare; nel 2003 è stato restaurato ed oggi ospita una ventina di locali tra ristoranti, caffetterie, birrerie ed altri negozi di varia natura.

Visitare Valencia Mercado de Colón 

Visitare Valencia Mercado de Colón 

Per fare colazione abbiamo scelto proprio una delle caffetterie al suo interno, Bocados Cafè. Se sei interessato a saperne di più, leggi il post dedicato).

Il Mercado de Colón si trova in Calle Jorge Juan, 19 ed è aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 2.00 (ogni locale però osserva i proprio orari). Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Quando hai terminato la colazione, esci dal mercato e gira a sinistra su Carrer de Cirilo Amorós; alla rotonda svolta a sinistra su Plaça dAmèrica e poi a destra su Pont de les Flors.

Visitare Valencia

Una volta attraversato, prendi Carrer del General Gil Dolz fino alla rotonda: qui scegli l’uscita su Av. de Suècia. Proseguendo sempre dritto arriverai allo Stadio di Mestalla.

 

COSA VEDERE A VALENCIA: LO STADIO DI MESTALLA

Lo Stadio di Mestalla, in spagnolo Estadio de Mestalla, è stato costruito nel 1923 ed è il più antico di tutta la Spagna. La sua capienza è di circa 50.000 posti ed ospita le partite casalinghe della squadra di calcio locale, il Valencia Club de Fútbol, che milita nella massima serie spagnola.

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Per visitarlo occorre partecipare al Mestalla Forever Tour, una visita guidata disponibile in lingua inglese o spagnola della durata di un’ora.

Il Valencia CF ha disputato la sua prima partita il 21 maggio 1919: nel museo sono esposti alcuni dei cimeli più significativi della sua storia, dalle divise ai palloni. Sono inoltre visibili i trofei vinti.

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Con questo tour si ha la possibilità di visitare il box presidenziale, il balcone dei tifosi, gli spogliatoi, la sala stampa, il tunnel e poi di affacciarsi sul campo di gioco, che a mio parere è la parte più emozionante di tutte.

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Visitare Valencia Stadio di Mestalla

Il Mestalla Forever Tour parte dal cancello 3 dello stadio, che si trova in Avenida de Suecia. Il prezzo del biglietto è di 11,50 euro per gli adulti, 9,00 euro per i ragazzi da 5 a 12 anni e per gli over65 ed è gratuito per i bambini fino a 4 anni. I possessori di Valencia Tourist Card hanno diritto ad uno sconto del 10%. La biglietteria apre tutti i giorni alle 10.30 e il primo tour è disponibile alle 10.40: è possibile prenotare online, anche se noi abbiamo scelto di acquistare i biglietti direttamente sul posto per usufruire dello sconto previsto dalla Valencia Tourist Card e non abbiamo avuto problemi. Per verificare gli orari del tour nel giorno di tuo interesse e per avere maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Uscendo dallo stadio svolta a sinistra e prendi Av. de Suècia, alla rotonda imbocca Carrer del General Gil Dolz e prosegui sempre dritto fino a che non avrai attraversato i Jardìns del Túria (passando su Pont de les Flors). Ora gira a sinistra su Plaça dAmèrica, prosegui su Avinguda de Jacinto Benavente e poi su Carrer de l’Alcalde Reig; in seguito svolta a destra su Carrer de Pere Aleixandre e ti ritroverai in Plaça de Montolivet, dove si trova il Museo Fallero. 

Se per te il percorso a piedi risulta troppo lungo, puoi optare per l’autobus linea 18 (direzione Hospital Dr. Peset) dalla fermata Cardenal Benlloch – Ciutat de Mula (a circa 550 metri dallo stadio) alla fermata Escultor J. Capuz  – Pere Aleixandre (a circa 300 metri dal museo).

 

COSA VEDERE A VALENCIA: IL MUSEO FALLERO

Il Museo Fallero è dedicato alla festa tradizionale Las Fallas, dichiarata nel 2016 Patrimonio Mondiale Immateriale dall’UNESCO. Essa si tiene ogni anno – dalla metà del XVIII secolo – dall’ultima domenica di febbraio al 19 marzo, anche se il culmine dei festeggiamenti si ha dal 15 al 19 marzo.

Museo Fallero

Il nome della manifestazione deriva da Falla, che è una costruzione artistica fatta di carta, legno ed altri materiali combustibili che rappresenta elementi ispirati all’attualità valenciana. Sono dei veri e propri monumenti, costruiti da artisti locali durante l’anno; esistono due tipi di falla, la falla mayor e la falla infantil.

Vengono inoltre costruiti i ninots (due per ogni commissione falleras, una per ogni tipologia di falla) ovvero delle statuette più piccole con sembianze umane che rappresentano scene satiriche relative ad eventi accaduti in città. Esse vengono esposte prima allExposición del Ninot, per dare modo al pubblico di votare il suo preferito, e successivamente – dal 15 marzo – ai piedi della falla.

Museo Fallero

Museo Fallero

Museo Fallero

Museo Fallero

Nella notte tra il 18 e il 19 marzo vengono bruciate tutte le fallas e tutti i ninots, ad eccezione del Ninot indultat – quello che tra di essi ha ricevuto più voti – che viene salvato dal rogo ed esposto al Museo Fallero assieme ai vincitori delle edizioni precedenti.

Museo Fallero

Oltre ai ninots, il museo conserva le locandine più belle dell’evento, le insegne storiche dei comitati dei festeggiamenti e alcuni quadri delle falleras mayores (le regine della festa).

Museo Fallero

Credo che questo museo sia davvero imperdibile data l’importanza che l’evento ha per la città di Valencia: è molto interessante vedere l’evoluzione delle statue nel tempo. Esso è ospitato dal 1971 all’interno del Convento de la Casa Misión de San Vicente de Paúl. 

Museo Fallero

Il Museo Fallero si trova in Plaza Monteolivete, 4 ed è aperto dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 19.00 (ultimo ingresso 18.15) e la domenica e i festivi dalle 10.00 alle 14.00 (ultimo ingresso 13.30). Il prezzo del biglietto è di 2 euro intero, 1 euro bambini da 7 a 12 anni ed è gratuito per i bambini fino a 6 anni e per i possessori di Valencia Tourist Card. Per maggiori informazioni clicca qui.

Una volta terminata la visita, svolta a destra su Carrer de Pere Aleixandre e ancora su Carrer de l’Alcalde Reig. Alla rotonda prendi Av. del Professor López Piñero e poi gira a sinistra su Pont de Montolivet (da qui vedrai bene la Città delle Arti e delle Scienze).

Alla rotonda successiva prendi Passeig de l’Albereda e troverai il ristorante Saona Alameda. Ti consiglio davvero tanto questo locale, è economico e molto buono, se vuoi andarci ti suggerisco di prenotare in anticipo perché è sempre pieno (ne ho parlato in maniera approfondita in questo post), noi abbiamo scelto il primo orario disponibile per essere liberi presto nel pomeriggio.

Dopo pranzo non ti resta che visitare la Città delle Arti e delle Scienze: per arrivarci dal ristorante basta attraversare i Jardíns del Túria.

 

COSA VEDERE A VALENCIA: LA CITTÀ DELLE ARTI E DELLE SCIENZE

La Città delle Arti e delle Scienze (in valenciano Ciutat de les Arts i les Ciències), progettata dal celeberrimo architetto Santiago Calatrava nel 1996, è divenuta il simbolo della città ed è una tappa davvero imperdibile se vuoi visitare Valencia. Essa – che si estende per ben 350.000 metri quadrati – sorge sul letto del vecchio fiume Túria.

Arrivando in questo meraviglioso complesso è davvero impossibile non fermarsi a scattare mille fotografie.

Città delle Arti e delle Scienze

Città delle Arti e delle Scienze

Città delle Arti e delle Scienze

Città delle Arti e delle Scienze

Essa è una vera a propria città, composta da sette strutture, ovvero:

  • Oceanogràfic 
  • Museo delle Scienze Principe Felipe
  • Hemisfèric
  • Palau de les Arts Reina Sofía – Teatro dell’opera
  • Umbracle
  • Ágora
  • Ponticello Assud D’or

Ora te le presenterò singolarmente, in modo che tu riesca a capire bene che cosa c’è da fare e da vedere nella Città delle Arti e delle Scienze.

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Palau de les Arts Reina Sofía – Teatro dell’opera

Il Palau de les Arts Reina Sofía è la prima struttura che incontrerai. Esso è il teatro dell’opera di Valencia e nei mesi di ottobre e novembre offre una programmazione di spettacoli. È possibile entrare solo partecipando ad una visita guidata, che noi per mancanza di tempo abbiamo scelto di non fare. Per maggiori informazioni clicca qui.

Città delle Arti e delle Scienze

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Hemisfèric

L’Hemisfèric è un cinema digitale 3D: realizzato a forma di occhio, al suo interno si trova una grande sala dotata di uno schermo concavo di 900 metri quadrati e 24 metri di diametro. Vedere un filmato qui è un’esperienza pazzesca, ti vengono forniti gli occhiali 3D e un apparecchio per poter ascoltare l’audio in una lingua diversa da quella della proiezione (nel nostro caso era disponibile anche l’italiano). La durata è di circa 45 minuti e ne vale assolutamente la pena.

Città delle Arti e delle Scienze Hemisfèric

Io ti consiglio di recarti subito in biglietteria per prenotare il tuo filmato preferito: noi abbiamo scelto “Journey to Space. Next Stop: Mars” alle ore 20.00 in modo da avere tutto il pomeriggio per visitare le altre attrazioni. Durante la settimana l’ultimo spettacolo è alle 18, il venerdì e la domenica alle 19 e il sabato alle 20.

Il biglietto per il solo Hemisfèric costa 8 euro per gli adulti e 6 euro ridotto, il biglietto combinato per Hemisfèric, Oceanogràfic e Museo delle Scienze Principe Felipe costa 38,20 euro e 28,80 euro ridotto. I possessori della Valencia Tourist Card hanno diritto ad uno sconto del 15%. Acquistando il biglietto combinato potrai visitare le altre strutture senza fare fila.

La nostra prossima destinazione è l’Oceanogràfic, la struttura più distante dalle altre: per raggiungerlo attraversa tutto il complesso, alla rotonda procedi sempre dritto e lo troverai sulla destra.

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Oceanogràfic 

LOceanogràfic è l’acquario più grande d’Europa: ospita circa 500 specie per un totale di 45.000 esemplari.

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Esso è composto da diverse strutture, all’interno delle quali sono stati ricreati i diversi ecosistemi di ciascuno dei mari e degli oceani della Terra: il Mediterraneo, le zone umide, i climi temperati e tropicali, gli oceani, l’Antartide, l’Artide e le isole. Il delfinario è il più importante a livello europeo.

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

È senza dubbio molto suggestivo passare in mezzo al tunnel sottomarino.

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Come ho già detto diverse volte in altri articoli, non amo vedere gli animali in cattività. L’Oceanogràfic è però ritenuto un vero e proprio centro scientifico, educativo e ricreativo; il suo principale obiettivo è proprio quello di promuovere in modo attivo la conservazione dei mari e delle creature che ci vivono.

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Città delle Arti e delle Scienze Oceanogràfic

Noi abbiamo impiegato circa 2 ore e mezza per la visita e siamo riusciti a fare il giro completo con tranquillità.

L’Oceanogràfic è di norma aperto dal lunedì al venerdì e la domenica dalle 10.00 alle 18.00 e il sabato dalle 10.00 alle 20.00. Da metà giugno a metà luglio e la prima metà di settembre è sempre aperto dalle 10.00 alle 20.00 mentre dalla seconda metà luglio a fine agosto è sempre aperto dalle 10.00 alle 22.00. Il biglietto per il solo Oceanogràfic è di 30,70 euro per gli adulti e 22,90 euro ridotto; il biglietto combinato per Hemisfèric, Oceanogràfic e Museo delle Scienze Principe Felipe costa 38,20 euro e 28,80 euro ridotto. I possessori della Valencia Tourist Card hanno diritto ad uno sconto del 15%. Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Ágora

L’Ágora è l’edificio di più recente costruzione e solitamente ospita eventi. È stato aperto nel 2011 ma ad oggi i lavori non sono ancora terminati. Non è accessibile al pubblico.

Città delle Arti e delle Scienze Ágora

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Ponticello Assud D’or

Il Ponticello Assud D’or è collocato tra l’Ágora e il Museo delle Scienze Principe Felipe. Il suo pilone di 125 metri è il punto più alto della città.

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Museo delle Scienze Principe Felipe

Il Museo delle Scienze Principe Felipe ha una superficie di oltre 40.000 metri quadrati ed è stato inaugurato nel 2000.

Città delle Arti e delle Scienze Museo delle Scienze

È un museo molto interattivo, adatto a grandi e piccini, ed ha lo scopo di illustrare tutti gli aspetti relazionati all’evoluzione della vita, della scienza e della tecnologia. Questo è il luogo ideale per imparare divertendosi, con il motto “È vietato non toccare, non sentire e non pensare”. La struttura ha tre piani ed è suddivisa in varie aree tematiche, dal corpo umano all’elettricità, dalla meccanica alla genetica.

Città delle Arti e delle Scienze Museo delle Scienze

Città delle Arti e delle Scienze Museo delle Scienze

Visitare Valencia Città delle Arti e delle Scienze Museo delle Scienze

Il Museo delle Scienze Principe Felipe è aperto tutti i giorni. Gli orari cambiano a seconda del periodo dell’anno, puoi trovare quelli aggiornati qui. Il biglietto per il solo museo costa 8 euro per gli adulti e 6 euro ridotto, il biglietto combinato per Hemisfèric, Oceanogràfic e Museo delle Scienze Principe Felipe costa 38,20 euro e 28,80 euro ridotto. I possessori della Valencia Tourist Card hanno diritto ad uno sconto del 15%.

Visitare Valencia Città delle Arti e delle Scienze

 

Cosa vedere nella Città delle Arti e delle Scienze di Valencia: Umbracle

L’Umbracle è un giardino enorme, di oltre 17.000 metri quadrati, dove è possibile passeggiare ed ammirare piante e sculture lungo un sentiero sopraelevato di 320 metri chiamato Paseo de las Esculturas. L’ingresso è libero ed è sempre aperto. Al di sotto di esso è stato costruito un parcheggio a pagamento che serve l’intero complesso.

Città delle Arti e delle Scienze Umbracle 

Città delle Arti e delle Scienze

Città delle Arti e delle Scienze

Città delle Arti e delle Scienze

 

Informazioni pratiche per visitare la Città delle Arti e delle Scienze

  • Se ne hai la possibilità, visita il complesso il sabato: gli orari delle attrazioni sono più estesi e potrai fare tutto con più calma.
  • Noi abbiamo dedicato alla visita del complesso circa 7 ore (dalle 14.30 alle 21.30) e ci è stato sufficiente. Ho sentito dire che serve almeno un giorno intero per visitarlo tutto, ma sinceramente non ci sarei rimasta di più. Siamo stati dalle 14.45 alle 17.15 all’Oceanogràfic, dalle 17.30 alle 19.30 al Museo delle Scienze Principe Felipe e alle 20.00 abbiamo visto il filmato prenotato precedentemente all’Hemisfèric. Al termine della proiezione (che è durata 40 minuti) abbiamo fatto un salto in notturna all’Umbracle.
  • Io ti consiglio di acquistare il biglietto combinato per tutte e 3 le attrazioni principali, ma esistono anche i biglietti singoli per ogni struttura oppure combinati per entrare in 2 luoghi (Hemisfèric e Museo delle Scienze Principe Felipe, Museo delle Scienze Principe Felipe e Oceanogràfic oppure Oceanogràfic Hemisfèric). Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

 

Una volta terminata la visita alla Città delle Arti e delle Scienze, siamo tornati in centro con l’autobus partendo dalla fermata Professor López Piñero – Museu de les Ciències.

Visitare Valencia Città delle Arti e delle Scienze

Visitare Valencia Città delle Arti e delle Scienze

Abbiamo mangiato all’Arroceria La Valenciana e, dopo cena, abbiamo gustato la tipica Agua de Valencia al Cafè de las Horas (per saperne di più leggi il post dedicato).

La mattina seguente, dopo una gustosa colazione da Dulce de Leche (ne ho parlato qui), abbiamo preso l’aereo per tornare a casa.

Il nostro terzo ed ultimo giorno a Valencia termina qui, di seguito ti lascio una mappa dove ho inserito tutti i luoghi di interesse citati in questo post (compresi i luoghi dove ho mangiato e la struttura dove ho soggiornato): per regolare lo zoom clicca + e -, per visualizzare il nome delle attrazioni clicca sul simbolo in alto a sinistra.

INFORMAZIONI UTILI E SUGGERIMENTI

  • L’Itinerario è consigliato per il sabato, in quanto le attrazioni della Città delle Arti e delle Scienze chiudono più tardi la sera. Nel caso tu non riesca a seguirlo in questo giorno vanno benissimo anche gli altri, dato che non ci sono luoghi che osservano il giorno di chiusura.
  • La lunghezza dell’itinerario a piedi è di circa 7 chilometri (dal Mercado de Colón all’Umbracle).
  • I luoghi dove ho mangiato sono Mercado de Colón per colazione (Calle Jorge Juan, 19), Saona – Alameda per pranzo (Paseo de la Alameda, 41), Arroceria La Valenciana per cena (Calle Juristas, 2) e Cafè de las Horas per il dopo cena (Calle del Conde de Almodóvar, 1). La struttura dove ho dormito è Host & Home (Carrer de Vitòria, 3).
  • Per scaricare una guida di Valencia in italiano clicca qui, per scaricare una mappa di Valencia clicca qui.

Spero, con questo articolo, di esserti stata utile e di averti aiutato ad organizzare le tue giornate a Valencia: nel caso tu abbia domande o curiosità non esitare a lasciarmi un commento qui sotto oppure a contattarmi, sarò davvero felice di risponderti!

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

 

 

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *