Visit Page
Salta al contenuto

Amsterdam, itinerario: ArenA Stadium Tour, Centro medievale, Quartiere a luci rosse e crociera sui canali

“Stringimi la mano e poi partiamo, in fondo eri contentissima quando guardando Amsterdam non ti importava della pioggia che cadeva…”

Ho ascoltato e riascoltato questa canzone di Tiziano Ferro fin da quando ero piccola ed ho sempre sognato di trovarmi tra i canali ad ammirare la città olandese. Amsterdam mi ha regalato un solo giorno di sole, il primo, quello in cui sono stata a Museumplein, Vondelpark e nel Jordaan (se hai perso il post, clicca qui per leggerlo). I successivi tre giorni sono stati di pioggia e vento freddo, ma non mi importava del meteo, ero lì e volevo respirare a pieni polmoni quell’aria magica che aspettavo da tanto, con l’ombrello in una mano e la macchina fotografica nell’altra.

Ho suddiviso il mio secondo giorno ad Amsterdam in due parti: la mattina ho visitato l’Amsterdam Arena, mentre da mezzogiorno a sera mi sono spostata nel Centro Medievale e nel Quartiere a luci rosse, per poi concludere in bellezza con una romantica crociera sui canali.

Di seguito il racconto della mia seconda giornata olandese, con l’indicazione dell’itinerario che ho seguito.

 

VISITARE AMSTERDAM: ARENA STADIUM TOUR

La mattina ci siamo svegliati con calma ed abbiamo preso la metro n°50 (verde) direzione Gein fino alla fermata Amsterdam Bijlmer/ArenA: essa è una vera e propria stazione (è utilizzata anche per i treni) ed è ricca di negozi e bar. Noi ci siamo concessi una bella colazione da Starbucks con muffin al triplo cioccolato e the caldo, spendendo circa 10 euro in totale.

Colazione da Starbucks Amsterdam

In questo momento starai pensando che visitare uno stadio sia roba solo per tifosi incalliti, ma ti assicuro che non è così: la prima volta che ne ho visitato uno, a Madrid, l’ho fatto principalmente perché interessava al mio fidanzato, e da allora mi sono ricreduta e oggi questi templi del calcio sono per noi una tappa fissa in ogni città europea.

Amsterdam ArenA

L’Amsterdam ArenA è lo stadio dell’Ajax e della Nazionale Olandese: inaugurato nel 1996, conta 51.628 posti. La nostra guida ci ha portato a bordo campo, per ammirare la struttura dal punto di vista dei giocatori, e poi ci ha fatto salire sulla tribuna per farci capire quale sensazione si prova guardando una partita da lì.

Amsterdam ArenA Stadium tour

L’Amsterdam Arena è un tripudio di colori.

Amsterdam ArenA Stadium tour

In seguito, siamo passati dalla sala stampa per poi dirigerci nei nuovissimi e splendidi spogliatoi, probabilmente i più belli che io abbia mai visto in uno stadio. Il nostro accompagnatore è stato gentilissimo e si è anche offerto di aiutarci a fare le foto che cercavamo, invano, di scattare da soli; durante tutto il tour è possibile fotografare.

Amsterdam ArenA Stadium tour sala stampa

Amsterdam ArenA stadium tour spogliatoi

L’Amsterdam ArenA Stadium tour dura circa un’ora e 15 minuti ed è disponibile solo in lingua inglese ed olandese. Esso è disponibile in diversi orari: noi abbiamo partecipato al primo, alle ore 10.30, in modo da sfruttare meglio la giornata. Per avere maggiori informazioni sugli orari clicca qui. Le tariffe per il tour sono di 15,50 euro gli adulti e 10,50 euro i bambini fino a 12 anni; con la I Amsterdam City Card si ha diritto ad entrare gratuitamente.

Dalla fermata Amsterdam Bijlmer/ArenA abbiamo ripreso la metro n°54 (gialla) fino al capolinea Centraal Station, dalla quale è possibile raggiungere comodamente a piedi il centro della città.

Vista l’ora, dalla Stazione Centrale ci siamo diretti da Rob Wigboldus Vishandel (Zoutsteeg, 6 – aperto dal martedì al sabato dalle 9 alle 16) per gustare il tipico panino con aringa cruda, cipolla tritata e cetrioli, davvero buonissimo e molto particolare! Abbiamo speso 3 euro per il panino e un euro per la bottiglietta d’acqua.

Rob Wigboldus Vishandel panino con aringa Amsterdam

Rob Wigboldus Vishandel Amsterdam

Una volta usciti dal locale, abbiamo proseguito a destra su Zoutsteeg e poi abbiamo girato a sinistra su Niueuwendijk fino ad arrivare in Piazza Dam, il fulcro della capitale, dove sorgono il Palazzo Reale, la Nieuwe Kerk e il museo delle cere Madame Tussauds (che noi non abbiamo visitato).

 

VISITARE AMSTERDAM: IL KONINKLIJK PALEIS (PALAZZO REALE)

Il Palazzo Reale di Amsterdam è una delle residenze del sovrano d’Olanda: egli non risiede qui ma utilizza la reggia per le cerimonie ufficiali. L’edificio nasce nel 1648 come sede del Municipio di Amsterdam ma, nel 1848, Napoleone Bonaparte lo fa trasformare in residenza reale.

Koninklijk Paleis Palazzo Reale Amsterdam

All’ingresso ti verrà fornita un’audioguida in italiano (compresa nel prezzo del biglietto), che ti spiegherà nei minimi dettagli ogni singolo ambiente che comparirà davanti ai tuoi occhi. Nella sala principale, la burgerzaal (sala dei cittadini), sita nel cuore del palazzo, sono raffigurati sul pavimento i due emisferi, con Amsterdam al centro del mondo.

Koninklijk Paleis Palazzo Reale Amsterdam

Tutt’attorno si trovano le altre camere, in alcune delle quali si può entrare ed ammirare da vicino lo sfarzoso arredamento, mentre in altre è concesso solo sporgersi dalla porta. Calcola circa un paio d’ore per vederlo ascoltando tutte le tracce dell’audioguida.

Koninklijk Paleis Palazzo Reale Amsterdam

Koninklijk Paleis Palazzo Reale Amsterdam

Koninklijk Paleis Palazzo Reale Amsterdam

Il Palazzo Reale di Amsterdam si trova in Piazza Dam ed è aperto tutti i giorni in cui non è presente il sovrano olandese dalle ore 10 alle ore 17. Ti consiglio di verificare l’apertura nel calendario presente sul sito ufficiale. Il biglietto di ingresso ha un prezzo di 10 euro per gli adulti e 9 euro per gli studenti, mentre i minori e i possessori di Museumkaart possono entrare gratuitamente (purtroppo non ci sono agevolazioni per i possessori di I Amsterdam City Card); clicca qui per maggiori informazioni sulle tariffe. All’interno del Palazzo Reale è consentito fare foto.

 

VISITARE AMSTERDAM: LA NIEUWE KERK

Usciti dal Palazzo Reale e svoltando a sinistra ci si trova davanti la Nieuwe Kerk, letteralmente Chiesa Nuova: essa risale al 1408 e prende questo nome in quanto la Oude Kerk (Chiesa Vecchia) è stata costruita un secolo prima.

Nieuwe Kerk Amsterdam

Attualmente l’edificio di culto è stato sconsacrato ed è sede di mostre di varia natura: durante la nostra visita era presente un meraviglioso quadro di Marc Chagall, Calvary. Inoltre, vista la vicinanza con il Palazzo Reale, la Nieuwe Kerk viene utilizzata per le cerimonie di investitura dei nuovi sovrani e per celebrare i matrimoni dei membri della famiglia reale.

Nieuwe Kerk Amsterdam

La Nieuwe Kerk si trova in Piazza Dam ed è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18 (la biglietteria chiude 30 minuti prima). Il prezzo del biglietto d’ingresso varia in base alle mostre che ci sono al suo interno, per verificare la tariffa attuale visita il sito ufficiale. I possessori di I Amsterdam City Card hanno diritto ad una riduzione, ad esempio se l’ingresso a prezzo pieno costa 10 euro occorre pagare solo 3,50 euro. All’interno della chiesa è possibile scattare fotografie, tranne alle opere in mostra.

In Piazza Dam è presente anche il grande zoccolo giallo dentro il quale farsi una foto: so che è un’attrazione per turisti, però secondo me è un’idea carina per uno scatto ricordo. Se ti interessa, si trova dalla parte opposta della piazza rispetto alla Nieuwe Kerk, all’incrocio con Nes, vicino al Nationaal Monument.

Piazza Dam Amsterdam

Da Piazza Dam abbiamo fatto una piccola deviazione in Wijdestegg, in quanto avevo letto su alcuni blog che c’erano dei bellissimi e coloratissimi murales: purtroppo, una volta arrivati là, abbiamo visto solo dei muri senza intonaco, tante impalcature e i residui di un paio di graffiti rimasti, un vero peccato.

Wijdestegg Amsterdam

Ti consiglio quindi, da Piazza Dam, di prendere direttamente Rokin e poi di girare a destra su Spui, una deliziosa piazzetta dove si tiene il Mercato del libro ogni venerdì (noi per puro caso ci siamo capitati proprio in questo giorno della settimana!). In questa piazza si trova anche la porticina per entrare nel Begijnhof, circa a metà.

Mercato del libro Amsterdam

VISITARE AMSTERDAM: IL BEGIJNHOF

Il Begijnhof (Cortile delle Beghine) è uno dei miei luoghi del cuore di Amsterdam: è un posto magico, un’oasi di pace dove il tempo sembra essersi fermato. Non è facile spiegare a parole la sensazione che si prova entrando qui: si oltrepassa una porticina ed improvvisamente ci si trova in un luogo incantato, proprio come nelle favole.

Begijnhof Amsterdam

Questo quartiere è un complesso di 164 abitazioni nelle quali viveva una comunità laica di donne che si occupavano di aiutare i bisognosi: l’ultima beghina morì nel 1976.

Begijnhof Amsterdam

Il Begijnhof si trova in Spuistraat ed è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00; l’ingresso è gratuito.

Da Spui abbiamo imboccato Voetboogstraat fino ad arrivare al famosissimo Vlaams Friteshuis Vleminckx (Voetboogstraat, 31 – aperto dal martedì al sabato dalle 11 alle 18 e la domenica e il lunedì dalle 12 alle 18): le patatine fritte sono uno dei prodotti tipici di Amsterdam e vengono consumate a tutte le ore. Noi decidiamo di acquistarne un cartoccio a testa, condite con una delle tante salse disponibili. Il prezzo per la porzione piccola è di 2,10 euro più 0,60 euro per la salsa.

Vlaams Friteshuis Vleminckx patatine fritte Amsterdam

Vlaams Friteshuis Vleminckx Amsterdam

Con le nostre patatine da passeggio decidiamo di raggiungere il Bloemenmarkt, ovvero il Mercato dei fiori: da Vleminckx abbiamo proseguito per Voetboogstraat, in seguito abbiamo svoltato a destra su Heiligeweg, attraversato il ponte su Koningsplein e poi girato a destra su Singel.

 

VISITARE AMSTERDAM: IL BLOEMENMARKT

Il Bloemenmarkt, ovvero il Mercato dei fiori, si trova sopra una struttura adagiata sulle acque del canale Singel. Questo mercato deve la sua posizione al fatto che, storicamente, i venditori arrivavano con i barconi dalle loro serre e attraccavano qui per vendere la merce direttamente ai clienti.

 Bloemenmarkt Amsterdam

In questo luogo si possono trovare un’infinità di tulipani, girasoli, rose e altre tipologie di fiori e poi bulbi da portare a casa, calamite e zoccoli. Il Bloemenmarkt è una tavolozza di colori che riescono ad accendere il cielo grigio di Amsterdam durante le giornate di pioggia.

 Bloemenmarkt Amsterdam

Il Bloemenmarkt si trova sul canale Singel fra Muntplein e Koningdplein ed è aperto dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 17.30 e la domenica dalle 11.00 alle 17.30.

 

VISITARE AMSTERDAM: LA OUDE KERK NEL QUARTIERE A LUCI ROSSE

La tappa successiva dell’itinerario è stata la Oude Kerk. Per arrivarci dal Bloemenmarkt occorre proseguire lungo il Singel, svoltare a sinistra su Muntplein e poi ancora a sinistra su Rokin. In seguito, bisogna girare a destra su Grimburgwal e poi a sinistra su Oudezijds Voorburgwal; continuando sempre dritto e si arriva a destinazione.

La Oude Kerk, ovvero la Chiesa Vecchia, è la più antica chiesa parrocchiale di Amsterdam ed è stata consacrata nel 1306. Non nascondo che vedere un luogo sacro completamente circondato da vetrine a luci rosse mi ha fatto parecchio impressione.

Oude Kerk Amsterdam

Ciò che mi ha colpito maggiormente all’interno dell’edificio sono le meravigliose vetrate colorate.

Oude Kerk Amsterdam

Oude Kerk Amsterdam

L’Oude Kerk si trova in Oudekerksplein, 23 ed è aperta dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 18.00 e la domenica dalle 13.00 alle 17.30. Le tariffe per entrare sono di 10,00 euro gli adulti, 7,50 euro gli studenti, gratuito per possessori di I Amsterdam City Card e bambini fino a 13 anni (per verificare i prezzi clicca qui). All’ingresso ci hanno consegnato una piccola guida in italiano con l’indicazione di tutti gli elementi di interesse presenti nella chiesa, che poi abbiamo dovuto restituire al termine della visita. 

Questo è l’unico quartiere di Amsterdam dove si vedono le ragazze in vetrina con le famosissime luci al neon rosse, dove si sente quell’odore forte di fumo per le strade che esce dalle porte dei coffeeshop, dove tutto ciò che siamo abituati a considerare tabù viene mostrato e pubblicizzato come se fosse la cosa più naturale del mondo. Amsterdam è anche questo, ma non è solo questo.

Quartiere a luci rosse Amsterdam

 

VISITARE AMSTERDAM: UNA CROCIERA SUI CANALI

Siamo usciti dall’Oude Kerk all’ora del tramonto ed io avevo previsto una romantica crociera sui canali. La maggioranza delle imbarcazioni parte davanti alla Centraal Station, quindi proseguiamo su Oudezijds Voorburgwal fino alla fine, svoltiamo a sinistra su Nieuwebrugsteeg e poi ancora a sinistra su Prins Hendrikkade.

Noi abbiamo scelto la Holland International 100 Highlights Cruise, la quale effettua partenze ogni giorno dalle 9 alle 18 con partenza ogni 15 minuti e dalle 18 alle 21 con partenza ogni 30 minuti (noi abbiamo effettuato quella delle 18.30). La durata dell’escursione è di un’ora e il costo del biglietto è di 16 euro per gli adulti, 8 euro per bambini da 4 a 12 anni ed è gratuito con I Amsterdam City Card. All’imbarco vengono fornite delle cuffiette per ascoltare l’audioguida durante la navigazione (tra le lingue disponibili c’è anche l’italiano al numero 7). Per maggiori informazioni clicca qui.

Crociera sui canali Amsterdam

Il tempo purtroppo non è migliorato e il cielo non presentava i colori del crepuscolo, bensì era pieno di nuvoloni grigi. La bellezza della città vista dall’acqua, però, è davvero innegabile, qualsiasi sia la stagione e la tonalità. Le luci dei ponti che si accendono, le finestre illuminate, le biciclette che sfrecciano sulle strade, il fascino delle houseboat attraccate sulle sponde dei canali. Credo che il tardo pomeriggio sia uno dei momenti migliori per fare questa esperienza, quando la luce diurna si affievolisce per lasciare spazio all’illuminazione notturna.

Crociera sui canali Amsterdam

Per la cena abbiamo deciso di acquistare il cibo take-away dal ristorante del nostro hotel e di gustarcelo in camera in totale relax: fish and chips per me e cotoletta viennese per il mio fidanzato. Abbiamo speso poco più di 20 euro in totale.

La nostra seconda giornata ad Amsterdam termina qui, ti lascio una mappa che indica l’itinerario con tutti i luoghi di interesse che ho indicato in questo post (per regolare lo zoom clicca + e -, per visualizzare i nomi delle attrazioni clicca sul simbolo in alto a sinistra).

INFORMAZIONI UTILI E SUGGERIMENTI

  • Per trovare il mezzo più comodo per raggiungere l’Amsterdam ArenA e la Centraal Station dal tuo hotel e per tornare all’hotel dopo aver fatto la crociera sui canali ti consiglio di consultare il mio articolo che parla proprio di come muoversi in città.
  • Questo itinerario è consigliabile nella giornata di venerdì, ma va benissimo anche durante tutti gli altri giorni della settimana, weekend compreso.
  • La lunghezza di questo itinerario, partendo dalla Centraal Station e tornando all’imbarco della crociera sui canali è di circa 4,5 chilometri ed è consigliabile per mezza giornata abbondante (durata 7 ore circa).

Se hai bisogno di altre informazioni, non esitare a contattarmi!

 

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Commenti

  1. Bella la crociera sui canali! Io non ebbi abbastanza tempo per farla. Senz’altro merita vedere la città da un’altra prospettiva.
    Mi hai fatto venire fame a pensare alle patate fritte olandesi.. che bontà 😀

    • Ciao Roberta, peccato per la crociera, direi che questa è un’ottima motivazione per tornarci!
      Verissimo, le patatine olandesi sono squisite, anche a me è venuta fame mentre caricavo la foto! 🙂

  2. Francesca Francesca

    Ciao,
    con tutta la mia famiglia saremo ad Amsterdam a febbraio e con due figli maschi una tappa all’ Amsterdam ArenA Stadium è d’obbligo. Sicuramente acquisteremo la I Amsterdam City Card e ci è venuto il dubbio se il tour dello stadio dovesse essere prenotato o basta presentarsi all’orario previsto per i tour (pensavamo anche noi di seguire quello delle 10:30).
    Grazie,
    Francesca

    Per saperne di più: https://www.viaggiareunostiledivita.it/amsterdam-itinerario-arena-stadium-tour-centro-medievale-quartiere-a-luci-rosse-e-crociera-sui-canali/

    • Ciao Francesca,
      grazie mille per il commento. Il tour dello stadio non deve essere prenotato in anticipo, basta recarsi alle casse poco prima dell’inizio del tour e indicare l’orario in cui si vuole effettuare la visita (noi siamo arrivati intorno alle 10.00-10.10 per prenotare quello delle 10.30).
      Buon viaggio ad Amsterdam!
      Nicole

  3. Francesca Francesca

    Grazie e buone feste!

    Francesca

  4. Francesca Francesca

    Nicole, grazie per le informazioni che mi hai dato. Se puoi mi servirebbe ancora sapere come usufruire della crociera che consente l’Amsterdam card. E’ sufficiente che mi rechi sul molo all’ora giusta? Non vorrei arrivare e trovare già la barca piena… Anche perchè andrò ad Amsterdam ad agosto e probabilmente sarà piena di turisti.
    Un’altra informazione, mi sembra di aver capito che se acquisto l’Amsterdam card l’attivazione al primo ingresso. Esempio se voglio fare la crociera il venerdì alle 18 si attiva la card da 48 ore che scadrà domenica alle 18. Puoi confermare? Grazie per la pazienza 😉

    • Sì sì, basta presentarsi all’imbarco con l’I Amsterdam City Card. Io ci sono andata mezz’ora prima dell’orario di partenza e non ho avuto problemi a trovare posto.
      Sì esatto, la carta si attiva quando viene utilizzata la prima volta e dura 48h (o le ore previste) dal primo utilizzo.
      Buona giornata
      Nicole

  5. Terri Terri

    Ciao Nicole, complimenti per i tuoi viaggi e per tutti i vari dettagli che lasci e che aiutano parecchio ad organizzare il viaggio!
    Non sono ancora riuscita a leggere tutto tutto sul tuo viaggio ad Amsterdam ma volevo chiederti dove avete alloggiato perché sto cercando ma non è semplice….
    Ti ringrazio Terri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *