Visit Page
Salta al contenuto

Umbria on the road, itinerario di 5 giorni nel cuore verde dell’Italia

Un cofanetto comprensivo di due notti con colazione ricevuto in regalo dal mio fidanzato e la mia irrefrenabile voglia di scoprire l’Italia mi hanno portato ad organizzare un viaggio itinerante nel cuore verde dell’Italia, la splendida Umbria.

Abbiamo deciso di aggiungere due notti a quelle comprese nel buono in modo da poter visitare più luoghi possibile.

Nella redazione dell’itinerario ho escluso di proposito alcune località situate alle due estremità della regione, come il Lago Trasimeno, Norcia e Castelluccio, in quanto ho pensato che avrei potuto includerle più facilmente in viaggi futuri rispetto ad altre destinazioni più centrali.

ITINERARIO DI 5 GIORNI IN UMBRIA

  • Giorno 1: Casa-Perugia-San Sisto-Perugia (229 km)
  • Giorno 2: Perugia-Todi-Orvieto-Amelia (Perugia-Todi 44 km, Todi-Orvieto 42 km, Orvieto-Amelia 55 km: totale 141 km)
  • Giorno 3: Amelia-Spoleto-Cascate delle Marmore-Amelia (Amelia-Spoleto 52 km, Spoleto-Cascate delle Marmore 46 km, Cascate delle Marmore-Amelia 35 km: totale 133 km)
  • Giorno 4: Amelia-Spello-Assisi-Gubbio (Amelia-Spello 86 km, Spello-Assisi 13 km, Assisi-Gubbio 48 km: totale 147 km)
  • Giorno 5: Gubbio-Città di Castello-Casa (Gubbio-Città di Castello 52 km, Città di Castello-Casa 165 km; totale 217)

La distanza totale che abbiamo percorso è stata di 867 km, di cui 483 km in Umbria e 384 km per andare e tornare a casa.

Qui ti lascio una mappa con l’itinerario: cliccando sul pulsante in alto a sinistra riuscirai a visualizzare gli itinerari dei singoli giorni mentre premendo + e – regolerai lo zoom.

COSA VEDERE E VISITARE 5 GIORNI IN UMBRIA

 

Giorno 1: Perugia-San Sisto-Perugia

Partiti da casa a metà mattina, siamo arrivati in hotel a mezzogiorno, dove ci siamo fermati pochi minuti per posare i bagagli. L’albergo da noi scelto è l’Etruscan Chocohotel, una struttura bellissima tutta a tema cioccolato.

Camera Etruscan Chocohotel Perugia

Poco dopo siamo ripartiti alla volta di San Sisto, un piccolo paesino a 5 km da Perugia, sede della fabbrica Perugina. Dopo un pranzo veloce nel Mc Donald’s situato nella parte opposta della strada, abbiamo preso parte alla visita guidata della Casa del Cioccolato Perugina, un’esperienza fantastica.

Casa del Cioccolato Perugina Museo Perugia

Casa del Cioccolato Perugina Museo Degustazione Perugia

In seguito ci siamo trasferiti a Perugia per visitarne il centro storico: dopo una corsa in Minimetrò, abbiamo passeggiato per le vie più caratteristiche della città.

Minimetrò Perugia

Piazza IV Novembre Perugia

Corso Vannucci Perugia

Prima di cena siamo tornati in hotel e poi via di nuovo in centro, questa volta con l’autobus, per cenare in un posticino tipico: dopo aver letto varie recensioni abbiamo scelto Il Settimo Sigillo e abbiamo mangiato divinamente, lo consiglio ad occhi chiusi.

Antipasto Settimo Sigillo Perugia

Settimo Sigillo Perugia

La nostra giornata a Perugia si è conclusa così, se vuoi leggere l’articolo specifico e dettagliato (con le foto, l’itinerario e le informazioni utili) che ho scritto sulla città clicca qui.

Ecco quanto abbiamo speso (prezzi a persona):

  • Etruscan Chocohotel per una notte in camera doppia: 33,50 euro
  • Pranzo da Mc Donald’s: 8 euro
  • Visita alla Casa del Cioccolato: 9 euro
  • 2 biglietti Minimetrò: 3 euro
  • Cena a “Il Settimo Sigillo”: 17, 25 euro
  • 2 biglietti autobus: 3 euro

Totale spesa del primo giorno: 74 euro.

 

Giorno 2: Perugia – Todi – Orvieto – Amelia

Il nostro secondo giorno in Umbria è iniziato con una colazione spettacolare all’Etruscan Chocohotel, tutta a base di cioccolato, un vero paradiso per me.

Colazione Etruscan Chocohotel Perugia

Dopo aver raccolto i bagagli siamo partiti per Todi, dove abbiamo passato la mattinata tra i suoi vicoli e i suoi balconi panoramici.

Panorama Todi

Duomo della Santissima Annunziata

Panorama dal Campanile di San Fortunato

Un piccolo gioiello da non perdere, poco fuori dal centro, è il Tempio di Santa Maria della Consolazione.

Tempio di Santa Maria della Consolazione Todi

Per pranzo abbiamo mangiato una fetta di torta al testo davvero squisita da Dige’s Pizza.

Dige's Pizza Todi torta al testo

Per leggere il racconto dettagliato della mia mattinata a Todi con foto, itinerario e informazioni utili clicca qui.

Nel pomeriggio ci siamo trasferiti ad Orvieto, una città davvero spettacolare con il suo maestoso ed imponente Duomo, il suo profondo Pozzo di San Patrizio e la sua curiosa città sotterranea.

Pozzo di San Patrizio OrvietoDuomo di Orvieto

Duomo di Orvieto dalla Torre del Moro

Abbiamo lasciato l’auto in un parcheggio gratuito dietro la stazione che si trova nella parte bassa della cittadina e poi siamo saliti con la funicolare.

Noi ci siamo accorti che non è stata sufficiente mezza giornata per visitare Orvieto e che sarebbe stato meglio dedicarle un giorno intero.

La sera abbiamo raggiunto l’agriturismo San Cristoforo situato nella campagna di Amelia, in una location rilassante e suggestiva, dove abbiamo soggiornato per due notti grazie al cofanetto RegalOne nella bellissima Suite Romantica.

Agriturismo San Cristoforo Amelia

Agriturismo San Cristoforo Amelia

La sera siamo stati nel borgo di Amelia per una cena umbra a La Locanda del Conte Nitto, un posticino tipico e caratteristico dove abbiamo mangiato davvero benissimo: i prezzi non sono bassi ma secondo me vale la pena fermarsi qui.

La Locanda del Conte Nitto Amelia

La Locanda del Conte Nitto Amelia

Ecco quanto abbiamo speso (prezzi a persona):

  • Campanile di San Fortunato a Todi: 2 euro
  • Parcheggio a Todi: 1,40 euro
  • Pranzo da Dige’s Pizza a Todi: 5 euro
  • Carta Unica Orvieto: 20 euro
  • Cena a La Locanda del Conte Nitto: 26 euro
  • Quota cofanetto RegalOne: 48 euro
  • Pedaggio autostrada A1: 1,50 euro

Totale spesa del secondo giorno: 103,90 euro.

 

Giorno 3: Amelia – Spoleto – Cascate delle Marmore – Amelia

Ci siamo svegliati con una bella colazione a base di torte fatte in casa servita in una stanza davvero accogliente del nostro agriturismo.

Agriturismo San Cristoforo Colazione

Agriturismo San Cristoforo Colazione

Dopo aver mangiato siamo partiti subito per Spoleto, dove abbiamo passato l’intera mattinata. Abbiamo lasciato l’auto al parcheggio Spoletosfera e poi ci siamo avviati verso il centro servendoci delle comodissime scale mobili.

Siamo stati fortunati perché, essendo la prima domenica del mese, abbiamo potuto visitare il Teatro Romano gratuitamente.

Teatro Romano Spoleto

Altre attrazioni imperdibili in città sono la Cattedrale di Santa Maria Assunta (Duomo), che noi abbiamo potuto vedere solo dall’esterno in quanto era chiusa, la Rocca Albornoziana e il Ponte delle Torri.

Rocca Albornoziana Spoleto

Ponte delle Torri Spoleto

Per pranzo ci siamo fermati al Ristorante Canasta (Piazza della Libertà, 14) e abbiamo gustato un primo del giorno: il locale mi è sembrato parecchio turistico e non mi ha colpito particolarmente.

Ristorante Canastra Spoleto

Nel primo pomeriggio ci siamo diretti verso le Cascate delle Marmore, che io desideravo vedere da una vita. Dico la verità, avevo paura di rimanere delusa date le mie altissime aspettative, invece sono stata veramente soddisfatta della visita.

Cascate delle Marmore

Cascate delle Marmore

Abbiamo parcheggiato nell’area apposita del Belvedere Inferiore (ci abbiamo messo un po’ di tempo a trovare un posto) e poi ci siamo recati in biglietteria, dove abbiamo fatto davvero poca fila nonostante fosse domenica. Nell’area delle Cascate delle Marmore è possibile praticare 6 diversi sentieri, noi abbiamo scelto il sentiero 1, il 2 e il 3 perché ci sembravano i più scenografici. Con il senno di poi e avendo avuto più tempo avrei fatto anche il sentiero 4, dalla parte opposta della strada e con una visuale fantastica.

La sera abbiamo deciso di rilassarci un po’ e di cenare a bordo piscina nell’agriturismo San Cristoforo: ho trovato molto bella l’idea di apparecchiare un unico tavolo per tutti gli ospiti in modo da avere la possibilità di conoscere persone nuove.

Agriturismo San Cristoforo Amelia

Agriturismo San Cristoforo Amelia

Ecco quanto abbiamo speso (prezzi a persona):

  • Parcheggio Spoletosfera: 2,50 euro
  • Rocca Albornoziana e Museo Nazionale del Ducato: 7,50 euro
  • Pranzo al Ristorante Canasta: 12 euro
  • Cascate delle Marmore: 10 euro
  • Cena all’Agriturismo San Cristoforo: 30 euro
  • Quota cofanetto Regalone: 48 euro

Totale spesa del terzo giorno: 110 euro.

 

Giorno 4: Amelia – Spello – Assisi – Gubbio

Dopo colazione abbiamo lasciato l’agriturismo e ci siamo diretti a Spello, uno de I Borghi più belli d’Italia, detta anche la città fiorita. Abbiamo lasciato l’auto in un’area di sosta in Via Poeta e abbiamo raggiunto il centro a piedi. Questa cittadina è veramente graziosa, ogni casa è decorata con piante e fiori colorati (in estate viene organizzato un concorso che vede vincitore colui che ha il balcone o la finestra fiorita più bella).

Spello vicoli fioriti

Spello vicoli fioriti

Ho trovato veramente piacevole vagare per i suoi stretti vicoli senza una meta, ammirando i colori e respirando i profumi delle composizioni floreali nelle abitazioni.

Spello vicoli fioriti

Dal punto di vista storico, è molto interessante andare alla scoperta delle Torri di Properzio, di Porta Venere e di Porta Consolare.

Torre di Properzio Spello

Porta Consolare Spello

Terminato il nostro giro a Spello siamo partiti per Assisi. Qui abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio Mojano (prima e seconda ora 1,25 € e dalla terza in poi 1,75 € per un massimo di 12 €) e siamo saliti con le scale mobili verso il centro. Erano ormai le 14 quindi abbiamo mangiato un trancio di pizza io e un pezzo di torta al testo Matteo nel primo locale che abbiamo trovato con un tavolino libero dove sederci: si tratta di E’ Pizza (Via Portica, 26), che io sconsiglio in quanto è estremamente caro (pizza 4,90 euro e torta al testo 6,90 euro al pezzo).

Dopo pranzo abbiamo passeggiato fino alla spettacolare Basilica di San Francesco, una vera meraviglia che ti lascia a bocca aperta (purtroppo non si possono scattare foto al suo interno). L’ingresso è gratuito e vale assolutamente la pena dedicare un paio d’ore a questo gioiello.

Porta Consolare Spello

Altre tappe imperdibili in città sono il Duomo di San Rufino e la Basilica di Santa Chiara.

Cattedrale di San Rufino Assisi

Basilica di Santa Chiara Assisi

Sono sincera, Assisi mi ha lasciato un po’ l’amaro in bocca, mi aspettavo un luogo più autentico e meno turistico di come invece l’ho trovato. La bellezza della Basilica di San Francesco e l’atmosfera suggestiva dei suoi vicoli hanno però colmato questa piccola delusione.

Ripresa l’auto ci siamo diretti verso Gubbio, penultima tappa del viaggio, e per la nostra ultima notte umbra abbiamo scelto la Residenza Le Logge (Via Piccardi, 7), un graziosissimo bed and breakfast nel centro del borgo.

Residenza Le Logge Gubbio

Residenza Le Logge Gubbio vista dalla camera

Abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio gratuito accanto al Teatro Romano durante tutto il nostro soggiorno in città.

Dopo aver fatto una passeggiata al tramonto, abbiamo deciso di cenare in uno splendido locale tipico, il Ristorante Alla Balestra (Via della Repubblica, 41), dove ci hanno fatto accomodare in un bellissimo terrazzo sui tetti di Gubbio. Consiglio questo posticino perché abbiamo mangiato benissimo.

Ristorante Alla Balestra Gubbio

Ristorante Alla Balestra Gubbio Antipasto Balestra

Ristorante Alla Balestra Gubbio Umbricelli alla norcina con tartufo

Non può mancare una camminata notturna tra i vicoli medievali della città, per ammirare i suoi palazzi e le sue piazze illuminati.

Palazzo dei Consoli Piazza Grande Gubbio

Ecco quanto abbiamo speso (prezzi a persona):

  • Parcheggio Mojano ad Assisi: 4 euro
  • Pranzo da E’ Pizza: 8,90 euro
  • Cena al Ristorante Alla Balestra: 24,50 euro
  • Residenza Le Logge per una notte in camera doppia: 32,50 euro

Totale spesa del quarto giorno: 69,90 euro.

 

Giorno 5: Gubbio – Città di Castello

Il nostro ultimo giorno in Umbria è cominciato con una colazione genuina nel verde del cortile interno del nostro bed and breakfast.

Residenza Le Logge Gubbio

Dopo aver portato i bagagli alla reception ci siamo incamminati verso Piazza Grande per visitare il Palazzo dei Consoli, il quale oggi ospita il Museo e la Pinacoteca Nazionale, dove sono custodite le Tavole Eugubine.

Palazzo dei Consoli Piazza Grande Gubbio

In seguito abbiamo visitato la Fontana del Bargello (dove è possibile prendere la Patente da Matto) e il Duomo e poi ci siamo diretti alla stazione della Funivia del Colle Eletto per raggiungere la Basilica di Sant’Ubaldo.

Fontana del Bargello o dei Matti Gubbio

Funivia del Colle Eletto Gubbio

Salire qui è un’esperienza davvero unica che ti consiglio vivamente.

Prima di pranzo abbiamo fatto tappa alla Chiesa di San Giovanni e poi ci siamo diretti a La Cresceria (Corso Cavour, 23), un posticino davvero speciale dove gustare la tipica crescia.

Chiesa di San Giovanni Gubbio

La Cresceria Gubbio

Siamo poi passati a ritirare i bagagli e abbiamo visitato il Teatro Romano e l’Antiquarium, per poi salire in auto direzione Città di Castello.

Teatro Romano Gubbio

Se vuoi leggere il post dettagliato e ricco di informazioni che ho scritto su Gubbio clicca qui.

Città di Castello non mi ha colpito particolarmente: forse vedendola per prima (e non per ultima) sarei riuscita ad apprezzarla di più.  Abbiamo lasciato l’auto nel parcheggio gratuito di Piazzale Ferri, dotato di scale mobili per raggiungere il centro.

Noi abbiamo visitato solo il Duomo (dall’esterno) e Piazza Matteotti, il cuore della città. Probabilmente avrei dovuto dedicarle più tempo o forse semplicemente non sono riuscita a capirla.

Duomo Città di Castello

Piazza Matteotti Città di Castello

Questa è stata la nostra ultima tappa in Umbria, in seguito abbiamo ripreso l’auto e ci siamo diretti verso casa.

Ecco quanto abbiamo speso (prezzi a persona):

  • Teatro Romano e Antiquarium di Gubbio: 3 euro
  • Patente da Matto a Gubbio: 3,50 euro
  • Palazzo dei Consoli a Gubbio (biglietto ridotto): 2,50 euro
  • Funivia del Colle Eletto a Gubbio a/r: 6 euro
  • Pranzo a La Cresceria: 6 euro

Totale spesa del quinto giorno: 21 euro.

 

QUANTO COSTA UN VIAGGIO DI 5 GIORNI IN UMBRIA?

In sintesi, quanto costa un viaggio di 5 giorni in Umbria? Di seguito riporto il totale della spesa del mio viaggio on the road per persona (viaggiando in due).

  • Carburante: 25 euro
  • Pedaggio (autostrada A1 utilizzata solo in una tratta durante il viaggio da Orvieto ad Amelia): 1,50 euro
  • Dormire (1 notte all’Etruscan Chocohotel di Perugia, 2 notti all’Agriturismo San Cristoforo di Amelia con cofanetto del valore di 96 euro a persona, 1 notte alla Residenza Le Logge di Gubbio): 162 euro
  • Mangiare a pranzo (Mc Donald’s, Dige’s Pizza, Ristorante Canasta, E’ Pizza, La Cresceria): 40 euro
  • Mangiare a cena (Il Settimo Sigillo, La Locanda del Conte Nitto, Agriturismo San Cristoforo, Ristorante Alla Balestra): 98 euro
  • Parcheggi e trasporti: 20 euro
  • Attrazioni: 57,50 euro

Il totale speso durante il nostro viaggio di 5 giorni in Umbria è stato di 404 euro a persona.

Per maggiori informazioni non esitare a contattarmi o lasciarmi un commento qui sotto. Per sapere di più sulle singole località che ho visitato puoi leggere i post specifici che ho dedicato ad ogni città (con itinerari a piedi, consigli, suggerimenti e fotografie). Buon viaggio nella splendida Umbria!

 

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

 

 

 

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *