Visit Homepage
Skip to content

Trieste, informazioni e consigli per organizzare un weekend nel capoluogo giuliano

Trieste è il punto di incontro tra la cultura mediterranea e quella mitteleuropea: si avverte nell’aria, nei palazzi, nel cibo servito nei buffet. Trieste è un tramonto a nord-est, così bello da non ricordarne altri dello stesso splendore. Trieste è un caffè sorseggiato seduti su una poltrona rossa all’interno di un locale storico, dove gli anni sembrano non essere passati mai. Trieste è una passeggiata sul Molo, dove la Bora soffia fortissimo e qualche volta bisogna sorreggersi per non cadere.

Piazza dell'Unità d'Italia Trieste

Nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia c’è tantissimo da fare e da vedere: con questa piccola guida vorrei darti qualche spunto per organizzare un weekend in questa città, partendo dai consigli pratici.

 

COME ARRIVARE A TRIESTE

Il mezzo di trasporto più comodo per raggiungere Trieste è il treno: la stazione principale si chiama Trieste Centrale. I treni ad alta velocità che arrivano qui sono:

  • Frecciarossa Trieste-Torino
  • Frecciabianca Milano Centrale-Trieste
  • Frecciargento Roma-Trieste

In alternativa, puoi utilizzare i treni regionali e regionali veloci. Per maggiori informazioni visita il sito di Trenitalia.

Stazione ferroviaria Trieste CentraleStazione ferroviaria Trieste Centrale

Se vivi molto lontano (Italia meridionale o Isole), Trieste dispone di un aeroporto, il Ronchi dei Legionari, che dista 33 chilometri dal centro della città. Per verificare le tariffe dei voli puoi utilizzare Skyscanner, ma poi ti consiglio di prenotare tramite il sito ufficiale della compagnia. Puoi raggiungere il centro di Trieste dall’aeroporto tramite il bus linea 51 dell’APT Gorizia.

Se invece arrivi in auto, ti consiglio di parcheggiarla nell’area di sosta convenzionata con il tuo hotel e poi muoverti a piedi e con i mezzi pubblici, che sono molto efficienti.

Noi abbiamo scelto il treno: all’andata abbiamo utilizzato solo regionali veloci (Ferrara-Mestre e Mestre-Trieste) spendendo 19,80 euro , mentre al ritorno abbiamo utilizzato un Frecciarossa da Trieste a Mestre e poi un regionale veloce fino a Ferrara spendendo 21,70 euro (con biglietto under 26). Per il viaggio abbiamo quindi speso 41,50 euro a persona.

 

COME MUOVERSI A TRIESTE: GLI AUTOBUS

Trieste è dotata di una fitta rete di autobus che ti permettono di spostarti da una parte all’altra della città senza mai prendere l’auto: questa soluzione è ideale anche per chi, come me, desidera visitare anche i dintorni della città (Castello di Miramare, Grotta Gigante ecc…). Per maggiori informazioni sulle linee e sugli orari visita il sito ufficiale.

Per quanto riguarda le tariffe, il biglietto orario singolo costa 1,25 euro, mentre il biglietto giornaliero costa 4,35 euro. La domenica e nei giorni festivi la durata del biglietto orario da 1,25 euro si estende a 4 ore. Per maggiori informazioni sulle tariffe clicca qui.

Con l’acquisto di una FVGCard (vedi paragrafo successivo) si ha diritto ad acquistare un bollino ad un prezzo speciale per accedere al trasporto pubblico urbano della durata di 48 ore (aggiungendo 3 euro), 72 ore (aggiungendo 4 euro)  o una settimana (aggiungendo 6 euro) in base alla durata della FVGCard scelta (se si acquista la FVGCard da 48 ore si ha diritto al bollino della medesima durata).

La grande differenza tra FVGCard e bollino dei trasporti (che io non avevo capito leggendo online e che ho scoperto solo quando me lo ha riferito l’operatrice dell’ufficio turistico) sta nel fatto che la FVGCard dura 48 ore, 72 ore o una settimana effettiva, mentre il bollino no. Esempio: io ho utilizzato una FVGCard della durata di 48 ore, che ho attivato alle 15 di venerdì 6 gennaio e che mi è scaduta alle 15 di domenica 8 gennaio. Il bollino, invece, diventa operativo nel momento in cui si attiva la FVGCard (quindi nel mio caso venerdì’ 6 gennaio alle ore 15) ma dura 2 giorni di calendario e non 48 ore come la FVGCard, quindi io avrei potuto utilizzarlo solo venerdì 6 gennaio e sabato 7 gennaio, dovendo comprare un biglietto alternativo per domenica 8 gennaio. L’ideale sarebbe riuscire a concentrare tutte le gite fuori porta nelle giornate in cui si è coperti con il bollino e nei giorni rimanenti visitare le attrazioni in centro raggiungibili a piedi oppure, come nel mio caso, restare scoperti la domenica quando un biglietto orario dura quattro ore.

 

UNA CARTA TURISTICA PER RISPARMIARE: FVGCARD

La FVGCard è una tessera turistica che permette di visitare tantissime attrazioni in tutta la regione Friuli Venezia Giulia, in particolar modo a Trieste.

FVG Card Trieste

La FVGCard può essere utilizzata da un adulto ed un bambino fino a 12 anni ed è disponibile in diversi tagli:

  • 48 ore per 18 euro (21 euro se si vuole acquistare anche il bollino trasporti da 2 giorni);
  • 72 ore per 21 euro (25 euro se si vuole comprare anche il bollino trasporti da 3 giorni);
  • 1 settimana per 29 euro (35 euro se si vuole acquistare anche il bollino trasporti da 7 giorni).

Le attrazioni a Trieste comprese nella FVGCard (e quindi gratuite) sono le seguenti:

  • Castello di Miramare
  • Grotta Gigante
  • Castello di San Giusto
  • Museo Civico Revoltella
  • Acquario Marino
  • Museo Civico Teatrale “Carlo Schmidl”
  • Museo Civico di Storia Naturale
  • Museo Nazionale dell’Antartide
  • Science Center Immaginario Scientifico
  • Museo della guerra per la pace “Diego De Henriquez”

Per visualizzare l’elenco completo delle attrazioni comprese clicca qui.

La FVGCard è acquistabile presso gli Infopoint PromoTurismoFVG, che a Trieste si trova in Via dell’Orologio, 1 e fa angolo con Piazza dell’Unità d’Italia, nelle strutture ricettive convenzionate e negli uffici Pro Loco. In alternativa, è possibile acquistarla online.

 

DOVE DORMIRE A TRIESTE: ROOMS BOUTIQUE CARDUCCI

Il Rooms Boutique Carducci è stata una scelta davvero azzeccata, in quanto si trova a metà strada tra la stazione ferroviaria (quindi molto comodo da raggiungere a piedi anche con i bagagli al seguito) e il centro della città: noi ci siamo sempre spostati con le nostre gambe, ad eccezione di quando abbiamo fatto le gite fuori porta. Inoltre, è letteralmente a due passi da Piazza Oberdan, capolinea o punto di passaggio della maggior parte delle linee di autobus, perciò è eccezionale anche da questo punto di vista.

Durante la prenotazione ci si accorda sull’orario di arrivo: al momento del check-in il personale (disponibilissimo e molto gentile) consegna le chiavi della camera e dell’intero palazzo, in modo da rendere completamente autonomo l’ospite.

A noi è stata assegnata la camera rosa e devo dire che ne sono rimasta davvero entusiasta in quanto era dotata di tutti i comfort: letto matrimoniale spazioso, comodino con presa elettrica per ogni lato, tv a schermo piatto da 32 pollici, angolo cucina con frigo, bollitore, forno a microonde, lavello, attrezzi da cucina e stoviglie, bagno privato con una doccia molto larga (dotata di gancio all’interno per accappatoio/asciugamano) e wi-fi funzionante e veloce.

Rooms Boutique Carducci Trieste

Rooms Boutique Carducci Trieste

Rooms Boutique Carducci Trieste

Noi abbiamo speso 140,22 euro in totale per due notti solo pernottamento (prenotato su Booking). La colazione è disponibile su richiesta al costo di 7 euro a persona a notte (noi l’abbiamo fatta altrove). Il parcheggio, che noi non abbiamo utilizzato, è disponibile in zona al prezzo di 10 euro al giorno. Inoltre è possibile lasciare gratuitamente i propri bagagli alla reception nel giorno della partenza.

Il Rooms Boutique Carducci si trova in Via Carducci, 8. Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

 

DOVE MANGIARE A TRIESTE

Ho già scritto un articolo interamente dedicato ai posticini tipici dove mangiare a Trieste da colazione a cena, con mappa, fotografie e prezzi di ogni singolo piatto che ho ordinato. In questa sede, quindi, mi limiterò ad elencare i nomi dei locali dove sono stata: se sei interessato a leggere il post dettagliato clicca qui.

Colazione e Merenda

  • Caffè Tommaseo – Piazza Tommaseo, 4/C – Spesa per due caffè e una porzione di biscotti: 12 euro

Caffè Tommaseo Trieste

  • Caffè degli Specchi – Piazza dell’Unità d’Italia, 7 – Spesa per due caffè e due brioche: 13,50 euro

Caffè degli Specchi Trieste

  • Antico Caffè San Marco – Via Battisti, 18 – Spesa per due caffè e cinque biscotti: 10,50 euro

Caffè San Marco Trieste

  • Sanna Wine Bar – Via Galati, 13/A – Spesa per due krapfen, un caffè e un the: 4,60 euro

Sanna Bar Trieste

Pranzo e Cena

  • Trattoria Nerodiseppia – Via Cadorna, 23 – Spesa per due antipasti, due primi e due dolci con vino: 74 euro

Trattoria Nerodiseppia Trieste insalata di polipo, seppia e calamaro alla dalmata con patate all'aceto

  • Vecio Buffet Marascutti 1914 – Via Battisti, 2/B – Spesa per un antipasto, due primi e due dolci con vino: 45,80 euro

Vecio Buffet Marascutti 1914 Trieste gnocchi di pane con gulasch

  • Osteria da Marise – Via Felice Venzian, 11/F – Spesa per due antipasti e due primi con vino: 38,50 euro

Osteria da Marise Trieste fusi istriani con sugo in bianco di salsiccia e ricotta affumicata

  • Antico Buffet Benedetto – Via XXX Ottobre, 19 – Spesa per due primi e due contorni con vino: 41,50 euro

Antico Buffet Benedetto Trieste gnocchi con gulasch

  • Buffet da Pepi – Via Cassa di Risparmio, 3 – Spesa per un bollito e un panino: 22,80 euro

Buffet da Pepi Trieste bollito misto con crauti

 

QUALCHE ALTRA INFORMAZIONE PRATICA

  • Le attrazioni turistiche ed i musei di Trieste sono generalmente chiusi il lunedì o il martedì (verifica gli orari di apertura in base alla tua visita).
  • Come guida cartacea ho utilizzato il capitolo Trieste e il Carso della Lonely Planet Friuli Venezia Giulia, scaricata gratuitamente dal sito ufficiale lo scorso settembre, quando era stata inserita in una promozione in occasione dell’evento Pordenonelegge. Se ti interessa acquistarlo, lo puoi trovare sul sito ufficiale ad euro 3,90.

 

Quanto costa un weekend lungo a Trieste? I prezzi si intendono per persona (viaggiando in due):

  • Treno regionale veloce e ad alta velocità Ferrara-Trieste via Mestre a/r: 41,50 euro
  • Camera per due notti solo pernottamento: 70,11 euro
  • FVGCard più bollino trasporti per 48h: 21 euro
  • Audioguida alla Risiera di San Sabba: 2 euro
  • Biglietto orario mezzi pubblici per la domenica: 1,25 euro
  • Biglietto Museo Ferroviario: 5 euro
  • Cibo (3 pranzi, 2 cene, 2 colazioni e 2 merende): 131,60 euro

Il viaggio a Trieste che ho intrapreso ha avuto un costo di circa 252,50 euro a persona.

Spero di esserti stata utile, se hai bisogno di chiarimenti o hai qualche curiosità non esitare a lasciarmi un commento qui sotto o a contattarmi!

 

*Post in collaborazione con Turismo FVG*

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

2 Comments

  1. Trieste prossima meta!
    Scherzi a parte, grazie per le dritte, avevo escogitato un forfait per una veloce fuga nel friulano. Con queste tue preziose dritte magari magari trovo forza e coraggio per non rimandare ancora e poi ho sempre pensato che almeno avrei dovuto mettere in ballo un quattrocento euro per il tutto, ma evidentemente si può, e come, con poco più della metà senza farsi mancare niente!
    (Darò pure un’occhiata alla Rooms Botique Carducci, non sembra affatto male).
    Grazie Nicole e buon viaggio!

    • Ciao Camilla,
      grazie mille per il commento. Sono davvero contenta che tu abbia apprezzato il fatto che io abbia inserito tutti i costi che ho sostenuto durante il mio viaggio e che per te Trieste sia diventata una meta possibile, è una delle cose a cui tengo di più e che curo maggiormente nel mio blog. Ti auguro di partire presto per questa bellissima città! Buona giornata
      Nicole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *