Visit Homepage
Skip to content

Visitare Stoccolma, cosa vedere: itinerario tra il museo a cielo aperto Skansen, la nave Vasa e un tramonto dall’alto mozzafiato

Ho deciso di visitare Stoccolma un po’ per caso, spinta da un volo a basso costo trovato proprio nel weekend del mio venticinquesimo compleanno. Era da quasi un anno che non salivo su un aereo e ne sentivo un’irrefrenabile esigenza. Sapevo di voler visitare Stoccolma prima o poi, era nella lista delle capitali europee che più mi ispiravano, ma non pensavo che il nostro incontro sarebbe avvenuto così presto. Sapevo che per visitare questa città avrei dovuto spendere molto denaro quindi l’ho sempre accantonata, ma poi ho pensato “gli hotel e il cibo costeranno sempre e comunque tantissimo, almeno questa volta posso risparmiare sul volo, e poi è il mio compleanno…“. E così quel biglietto l’ho acquistato. E sono partita.

L’ho già detto diverse volte, Stoccolma mi ha rapito il cuore. Me ne sono innamorata e non vedo l’ora di raccontarti tutte le meraviglie che sono apparse davanti ai miei occhi durante questo viaggio.

La nostra prima giornata a Stoccolma è cominciata con i raggi del sole che illuminavano la nostra stanza ed un meraviglioso cielo azzurro che non può fare altro se non metterti di buon umore. Abbiamo fatto una passeggiata dal nostro albergo fino allo Stockholm Visitor Center (Sergels Torg, 3-5) per ritirare i nostri preziosissimi Stockholm Pass.  Abbiamo poi raggiunto la graziosissima pasticceria che avevo scelto per la colazione, Vete-Katten, dove abbiamo gustato per la prima volta le girelle alla cannella (ovvero le famose kanelbullar) che sono poi diventate un must delle nostre mattine svedesi (ne ho parlato nel dettaglio in questo post).

 

COSA VEDERE A STOCCOLMA: L’ARTE SOTTERRANEA DELLA TUNNELBANA

La metropolitana di Stoccolma (in svedese tunnelbana) è una delle più belle del mondo: questa galleria d’arte vanta ben 110 stazioni ed è stata creata da quasi 150 artisti diversi.

Dopo colazione abbiamo approfittato della vicinanza di alcune stazioni per cominciare il nostro tour nell’arte sotterranea. Se ne hai la possibilità, ti consiglio di scegliere da casa le fermate che vuoi vedere e di suddividerle nei giorni a disposizione in base ai tuoi spostamenti; concentrandole tutte nella stessa giornata rischieresti di rimanere ore ed ore sui treni o sui binari ad aspettare la corsa successiva.

Cosa vedere a Stoccolma: la stazione della metropolitana T-Centralen (linea rossa, blu o verde)

La stazione T-Centralen, come dice la parola stessa, è la fermata principale dove si intersecano tutte e tre le linee della metro: quella rossa, quella blu e quella verde. Essa è disposta su più livelli: per scoprire la parte più artistica devi recarti nei binari dedicati alla linea blu (T10 e T11). Questa fu la prima stazione ad essere dipinta negli anni ’50.

Visitare Stoccolma Tunnelbana T-Centralen

Visitare Stoccolma Tunnelbana T-Centralen

 

Cosa vedere a Stoccolma: la stazione della metropolitana Kungsträdgården (linea blu)

La stazione Kungsträdgården si trova sulla linea blu e fa da capolinea sia alla linea T10 che alla linea T11: da T-Centralen non dovrai attendere molto in quanto le corse sono davvero frequenti.

Questo nome in italiano significa “Giardino del Re” e i colori predominanti di questa fermata sono il verde, il rosso e il bianco. Qui si trovano anche alcuni reperti archeologici.

Visitare Stoccolma Tunnelbana Kungsträdgården

Una volta usciti dalla stazione della metro ci siamo diretti alla fermata dell’autobus linea 7 (direzione Waldemarsudde) e siamo scesi alla fermata Skansen.

 

COSA VEDERE A STOCCOLMA: SKANSEN, IL MUSEO ALL’APERTO PIÙ ANTICO DEL MONDO

Lo Skansen è il museo a cielo aperto più antico del mondo. Inaugurato nel 1891, in questo grande parco sono presenti circa 140 abitazioni svedesi, che sono state trasportate qui da varie parti del Paese, con lo scopo di ricreare una Svezia in miniatura per preservare lo stile di vita degli abitanti e i loro antichi mestieri.

Visitare Stoccolma Skansen

Visitare Stoccolma Skansen

Visitare Stoccolma Skansen

Oltre a questo, a Skansen sono ospitati animali da fattoria e animali selvatici nordici quali lupi, alci, linci e altre razze autoctone inserite in progetti di conservazione.

Visitare Stoccolma Skansen

Visitare Stoccolma Skansen

Ad essere sincera non mi fanno impazzire i luoghi dove gli animali vivono in habitat diversi da quelli naturali, ma mi è piaciuto molto l’altro lato del museo, quello dedicato alle antiche tradizioni svedesi. In sintesi secondo me vale la pena andarci proprio per scoprire aneddoti e curiosità sul popolo svedese e sul suo stile di vita ed è adatto anche alle famiglie con bambini perché all’interno del parco sono presenti attrazioni e giochi per i più piccoli.

Visitare Stoccolma Skansen

Visitare Stoccolma Skansen

Visitare Stoccolma Skansen

Noi ci siamo stati circa due ore e mezza e ne abbiamo visitato più o meno metà (anche andando abbastanza velocemente): questo museo è molto grande e occorrerebbe un’intera giornata per visitarlo tutto.

Lo Skansen si trova in Djurgårdsslätten, 49-51 ed è aperto tutti i giorni, per verificare gli orari di apertura visita il sito ufficiale. Le tariffe di ingresso sono: adulti 120 SEK, studenti, senior e gruppi 100 SEK, bambini da 4 a 15 anni 60 SEK, gratuito da 0 a 3 anni. L’ingresso è gratuito per i possessori di Stockholm Pass (per saperne di più clicca qui).

Se sei interessato, sempre sulla stessa strada – ma svoltando a sinistra – si trova il Museo degli Abba, che ripercorre la carriera del gruppo pop svedese di Mamma Mia. Noi abbiamo deciso di non visitarlo in quanto 250 SEK a persona ci sono sembrati eccessivi (non è compreso nello Stockholm Pass). Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Visitare Stoccolma Museo Abba

 

COSA VEDERE A STOCCOLMA: IL MUSEO VASA

Dopo essere usciti da Skansen abbiamo attraversato la strada e seguito le indicazioni per il museo Vasa (Vasa Museet in svedese), che si trova a 500 metri da lì.

Il Vasa è il museo che mi è piaciuto di più in assoluto a Stoccolma: quando sono entrata sono rimasta a bocca aperta dallo stupore. Quando varchi la porta che separa la biglietteria dalla sala espositiva vieni catapultato indietro nel tempo e ti ritrovi davanti, in tutta la sua imponenza, questo meraviglioso vascello.

Visitare Stoccolma Museo Vasa

Il Vasa è una nave da guerra battezzata in onore della dinastia regnante e affondata il 10 agosto 1628 durante il viaggio inaugurale nel porto di Stoccolma, venti minuti dopo essere partita.

Visitare Stoccolma Museo Vasa

Essa fu recuperata nel 1961, dopo 333 anni sul fondale, in ottimo stato di conservazione, tanto che il 98% delle parti del vascello esposto al museo sono quelle originali.

Visitare Stoccolma Museo Vasa

Visitare Stoccolma Museo Vasa

Il museo Vasa è organizzato su 7 livelli (piano terra, livello 1,2,3,4,5 e 6) e l’entrata è posta al livello 4. Questo per permetterti di vedere da vicino tutti i dettagli della nave, sia dall’alto che dal basso, sia da prua che da poppa. È presente anche una sala con maxischermo (in stile cinema) dove viene proiettato a rotazione il filmato della storia del vascello in varie lingue (per scoprire quando c’è in italiano clicca qui, quando ci sono stata io era alle 11.40 e alle 14.20) della durata di 17 minuti. Se capiti in orari diversi, i sottotitoli in inglese sono sempre e comunque presenti, a meno che l’inglese sia la lingua dell’audio e allora i sottotitoli compaiono in altre lingue. Per avere tutti i dettagli sugli orari di proiezione puoi guardare lo schermo al livello 4.

Noi ci abbiamo messo circa due ore per la visita, ma ce la siamo presi con comodo perché abbiamo davvero adorato questa attrazione.

Il Museo Vasa si trova in Galärvarvsvägen, 14 ed è aperto tutti i giorni da settembre a maggio dalle 10 alle 17 (il mercoledì chiude alle 20) e da giugno ad agosto dalle 8.30 alle 18.00. Le tariffe di ingresso sono: 130 SEK per gli adulti, 110 SEK per gli studenti, gratuito per i minori di 18 anni. Ingresso gratuito per i possessori di Stockholm Pass. È possibile scattare fotografie. Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Una volta usciti dal museo Vasa abbiamo ripreso l’autobus linea 7 (è indifferente la direzione, va bene sia Kungsträdgården che Norrmalmstorg) e siamo scesi alla fermata Nybroplan. Da qui abbiamo girato a sinistra su Strandvägen e poi subito a destra su Nybrogatan, fino a raggiungere il mercato coperto Östermalmshallen, dove abbiamo gustato dei buonissimi piatti a base di salmone. Se sei interessato a saperne di più sui luoghi dove ho mangiato, puoi leggere il post dedicato.

Dopo pranzo siamo tornati a Nybroblan, abbiamo costeggiato il porto prima su Nybrohamnen e poi su Nybrokajen, abbiamo in seguito svoltato a destra su Museikajen e attraversato il ponte Skeppsholmsbron.

Visitare Stoccolma ponte Skeppsholmsbron

Consiglio tantissimo questa passeggiata perché è molto suggestivo poter ammirare e fotografare questa parte di Stoccolma a stretto contatto con il mare.

Visitare Stoccolma

Visitare Stoccolma

Finalmente siamo giunti sulla piccola isoletta Skeppsholen, dove si trova il Moderna Museet, nostra tappa successiva.

 

COSA VEDERE A STOCCOLMA: IL MODERNA MUSEET

Il Moderna Museet è un museo di arte moderna e contemporanea che custodisce preziose opere di illustri artisti quali Pablo Picasso, Salvador Dalì, Edvard Munch, Henri Matisse ed Andy Warhol.

Visitare Stoccolma Moderna Museet

Visitare Stoccolma Moderna Museet

Visitare Stoccolma Moderna Museet

Visitare Stoccolma Moderna Museet

Nella collezione permanente sono esposte collezioni di pittura, scultura, fotografia e altre installazioni e vengono spesso organizzate anche mostre temporanee.

Il Moderna Museet si trova in Exercisplan, 4 ed è aperto il martedì e il venerdì dalle 10 alle 20, il mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle 10 alle 18 ed è chiuso il lunedì. L’ingresso alla collezione permanente è gratuito, tuttavia potrebbero essere a pagamento alcune mostre temporanee. È possibile scattare fotografie. Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Una cosa curiosa che ho notato a Stoccolma è che all’ingresso dei musei sono presenti delle seggioline pieghevoli per chi partecipa alle visite guidate: ogni volta che la guida si ferma davanti ad un’opera, tutti i partecipanti aprono il loro sgabello e si siedono ad ascoltare la spiegazione. L’ho trovata un’idea molto interessante!

Una volta terminata la visita al museo ci siamo recati alla vicina fermata del traghetto Skeppsholmen: queste imbarcazioni si possono utilizzare con il normale biglietto dei mezzi pubblici (ne ho parlato qui) e permettono di raggiungere due destinazioni, sia Djurgården (che è l’isola dove abbiamo passato la mattinata e dove si trovano Skansen, il Vasa, il Museo degli Abba e il parco di divertimenti Gröna Lund Tivoli) che Slussen (nostra prossima tappa). Il percorso del traghetto è Skeppsholmen-Djurgården-Skeppsholmen-Slussen- Skeppsholmen-Djurgården-Skeppsholmen-Slussen, ovvero fa sempre come tappa intermedia Skeppsholmen, quindi non spaventarti se vedi il traghetto che torna indietro, prima o poi ti porterà a destinazione! Questo servizio è attivo tutto l’anno e il tragitto dura circa 20-25 minuti.

Visitare Stoccolma traghetto Skeppsholmen

 

COSA VEDERE A STOCCOLMA: L’ASCENSORE PANORAMICO KATARINAHISSEN AL TRAMONTO

Una volta sceso dal traghetto gira a sinistra, sali sul ponte Skeppsbron e scorgerai sulla sinistra l’imponente Katarinahissen. È un po’ difficoltoso trovare l’ingresso perché ci sono diversi cantieri nei dintorni: ti consiglio di cercare il Mc Donald’s per orientarti meglio. Proprio accanto al noto fast food si trova il ristorante Gondolen: qui puoi entrare ed utilizzare l’ascensore interno per raggiungere l’undicesimo piano e recarti sulla passerella panoramica (è gratuito).

Visitare Stoccolma Katarinahissen ascensore panoramico

Ti rimarranno da fare a piedi solo pochi gradini prima di goderti il meraviglioso spettacolo. Questo è uno dei luoghi che ho amato di più in assoluto a Stoccolma, mi ha regalato emozioni indescrivibili perché sono riuscita ad arrivare in cima giusta per il tramonto.

Visitare Stoccolma Katarinahissen ascensore panoramico

Visitare Stoccolma Katarinahissen ascensore panoramico

I magici colori del cielo e la città che cominciava ad illuminarsi hanno reso la mia esperienza qui davvero soddisfacente.

Visitare Stoccolma Katarinahissen ascensore panoramico

L’ascensore del Gondolen è aperto il lunedì dalle 11.3o alle 23, dal martedì al venerdì dalle 11.30 all’01 di notte, il sabato dalle 16 all’01 di notte e la domenica è chiuso.

Dopo aver scattato mille fotografie abbiamo preso la strada che si trova sul retro, Katarinavägen, e abbiamo proseguito sempre dritto. All’altezza del Stadsgårdshissen troverai degli scalini: scendi e sulla destra troverai il Fotografiska.

Questa parte della città è disposta su più livelli qui può capitare che troverai rampe di gradini per spostarti da una via all’altra.

 

COSA VEDERE A STOCCOLMA: FOTOGRAFISKA

Il Fotografiska è uno spazio interamente dedicato alla fotografia.

Visitare Stoccolma Fotografiska

Esso ospita ogni anno 4 mostre principali e 15-20 esposizioni minori sempre nuove e sempre diverse.

Visitare Stoccolma Fotografiska

Se sei appassionato di questa forma d’arte te lo consiglio. Ti suggerisco di lasciarlo per ultimo in quanto la sera chiude molto tardi e quindi avrai tempo di visitarlo quando le altre attrazioni sono già chiuse.

Molto suggestivo il ristorante all’ultimo piano che ti permette di godere di una bellissima visuale sulla città.

Visitare Stoccolma Fotografiska

Il Fotografiska si trova in Stadsgårdshamnen, 22. Esso è aperto tutti i giorni: dalla domenica al mercoledì dalle 9.00 alle 23.o0 e dal giovedì al sabato dalle 9.00 all’1.00 di notte. Le tariffe di ingresso sono: adulti 145 SEK, studenti e senior 115 SEK, i bambini con età inferiore a 12 anni non pagano. L’ingresso è gratuito con lo Stockholm Pass. Non sono accettati i pagamenti in contanti (si possono effettuare solo con le carte). Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale.

Terminata la visita abbiamo riprendi la scalinata per tornare su Katarinavägen, prosegui dritto su Renstiernas gata e poi svolta a destra su Koksgatan. Sull’incrocio con Nytorgsgatan troverai il locale dove abbiamo cenato, Meatballs – For the People (per maggiori informazioni leggi il post che ho scritto a riguardo).

Per tornare in hotel, abbiamo percorso tutta Koksgatan, poi abbiamo svoltato a destra su Götgatan per arrivare alla fermata della metro Medborgarplatsen e siamo scesi alla stazione T-Centralen (linea verde). Abbiamo poi proseguito a piedi fino all’albergo.

Il nostro primo giorno a Stoccolma termina qui, di seguito ti lascio una mappa dove ho indicato tutti i luoghi di interesse che ho citato in questo articolo (compresi i ristoranti dove ho mangiato, l’albergo dove ho soggiornato e l’ufficio turistico dove acquistare lo Stockholm Pass): per regolare lo zoom clicca + e -, per visualizzare il nome delle attrazioni clicca sul simbolo in alto a sinistra. Non ho tracciato il percorso in quanto alcuni tratti sono stati fatti in metro, alcuni a piedi e altri in autobus, ma ho elencato i luoghi di interesse in ordine di visita, in modo che tu possa capire come effettuare l’itinerario proposto.

 

 

INFORMAZIONI UTILI E SUGGERIMENTI

  • L’itinerario è consigliato per i giorni diversi dalla domenica e dal lunedì, in modo da trovare tutti i luoghi di interesse aperti;
  • Se ti interessa scaricare una guida in pdf in italiano di Stoccolma con annessa mappa della città puoi trovarla qui;
  • I luoghi dove ho mangiato sono Vete-Katten per colazione (Kungsgatan 55), Östermalmshallen per pranzo (Östermalmstorg) e Meatballs – For the People per cena (Nytorgsgatan, 30). L’albergo dove ho dormito è l’Hobo Hotel (Brunkebergstorg, 4).
  • La lunghezza dell’itinerario (solo le tratte a piedi) è di circa 6,4 chilometri, quindi ideale per una giornata intera.

 

Ti va di venire a Stoccolma con me? Ecco il video del mio primo giorno in città:

Spero di esserti stata utile, se hai domande e curiosità non esitare a lasciare un commento qui sotto o a contattarmi, sarò molto felice di risponderti!

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *